Spiagge

Peschici, le spiagge più belle estate 2020

Le 12 Spiagge di Peschici già Bandiera Blu 2019,dalla Baia di Calenella, Baia di Peschici, Baia Procenisco, Baia San Nicola, Baia Zaiana, Baia Manaccora, Baia Calalunga, Baia del Turco, Baia Gusamy, Baia Manacore, Baia Sfinale

Peschici è uno dei luoghi più conosciuti di tutta la Puglia e del Gargano. Migliaia di viaggiatori la visitano da tutta Europa ogni anno.
Il suo centro storico fatto di piccole case bianche arroccate sul mare evoca i classici panorami mediterranei pieni di luce.

Ma la vera attrattiva sono le sue spiagge, di diverse dimensioni e caratteristiche, che spiazzano per la loro bellezza, più volte riconosciute dalla FEE con il conferimento del titolo di Bandiera Blu confermato anche per il 2019.

Partendo da nord la prima spiaggia che incontriamo è quella del Jalillo o del Mappamondo , in dialetto peschiciano piccola spiaggia. La baia di Jalillo si trova su una grossa formazione rocciosa che la nasconde. Di sabbia fine e ghiaia. In spiaggia si accede facilmente grazie a una passerella che collega Jalillo alla vicina Baia di Peschici o della Marina. La Baia del Jalillo Protetta dai venti meridionali e a metà pomeriggio essendo in ombra offre un gradevole riparo dal caldo estivo.

Proseguendo troviamo la Marina di Peschici o Baia di Peschici, in dialetto “a marejn” la marina.

Limitata dal porto turistico è circondata a destra dal costone roccioso sul quale è arroccata la cittadina di Peschici e a sinistra dalla punta di Monte Pucci. Di sabbia fine di tipo cristallino è ben attrezzata con stabilimenti balneari che la rendono ideale per le famiglie con bambini.

Facilmente raggiungibile tramite la S.S.n.89. Marina di Peschici è la spiaggia durante l’inverno è perfetta per i kiter, i windsurfer e surfisti esperti essendo esposta ai venti settentrionali quali la Tramontana o il Levante che generano onde alte anche 3 metri.
In piena estate , ha la particolarità di poter osservare sia il sorgere che il tramonto del sole ed all’orizzonte vedere le Isole tremiti.

Andando verso sud arriviamo presso La Cala detto anche lo Scalandrone, racchiusa in una stretta striscia rocciosa non vede né l’alba nè il tramonto creando un’atmosfera unica. È la baia ideale per chi ama la privacy e la tranquillità. Oggi è raggiungibile solo via mare in quanto il tempo ha provveduto a cancellare definitivamente la presenza del sentiero utilizzato una volta per raggiungere questa piccola e suggestiva caletta di ciottoli.

Continuando verso Vieste troviamo due bellissime spiagge, quella di Procenisco e quella di San Nicola. Formate da sabbia fine e mare pulitissimo, queste due spiagge sono simili in quanto entrambe hanno come fondale paesaggistico un bellissimo e tradizionale Trabucco, antica macchina da pesca che ritroverete su tutta la costa garganica. Racchiuse tra due suggestive punte rocciose, sono protette dai venti così da potersi godere nel pomeriggio di una fresca ombra.

Subito dopo si arriva, alla famosissima Baia di Zaiana o Zaiano Negli anni settanta e ottanta è stata una spiaggia frequentata prevalentemente da naturalisti e successivamente da ragazzi tanto da prendersi il nome di “Spiaggia dei Giovani”.

Questa piccola spiaggia è costituita prevalentemente da suggestive punte rocciose che le fanno da cornice, la conformazione rocciosa della scogliera e ai suoi trampolini naturali, per sbizzarrirsi in spettacolari tuffi. La duna è fatta di sabbia fine che scende lentamente nel mare.

Proseguendo nel nostro viaggio troviamo la spiaggia della Baia di Manaccora detta semplicemente la Baia. Il tempo ha visto il sovrapporsi di antiche civiltà sin dalla preistoria e, oltre alla importanza del suo sito archeologico del muse sul mare del Grottone di Manaccora, oltre al famoso importante ipogeo risalente al XVII secolo a.c.

Lungo la litoranea che da Peschici porta a Vieste troviamo la baia di Cala Lunga. Di sabbia finissima con le due incantevoli punte rocciose, con i trabucchi che la fanno da cornice e la onnipresente Torre di avvistamento .

Posizionata tra Cala Lunga e la baia di Gusmay troviamo Cala del Turco questa piccola e bellissima cala evoca storie di pirati e assedi come quelli turchi del 1600 lungo le nostre coste. Spiaggia completamente libera, raggiungibile seguendo un sentiero nel bosco di Pini che scende fin giù alla arenile. Per sfuggire alla calura estiva su questa meravigliosa cala c’è una grotta che può essere utilizzata come riparo. Essendo esposta a nord est rimane in ombra da metà pomeriggio.

Tra la baia del Gusmay e la spiaggia di Bescile o Manacore troviamo Cala Santa Croce, una delle baie, anche se piccola, meno affollate di Peschici. Esposta a Nord è riparata dai venti meridionali.

La spiaggia del Gusmay è formata da fine sabbia ed è un vero e proprio angolo di paradiso. Besclie meglio conosciuta come baia di Manacore bella come tutte le baie del territorio garganico, racchiusa tra due punte rocciose, con mare degradante, è un angolo di sabbia fine e dorata.

Infine la Baia di Sfinale una delle poche baie che ancora oggi conserva tutto il fascino selvaggio, segna il confine tra Peschici e Vieste, decisamente incontaminata e facilmente raggiungibile racchiusa tra due bellissime punte rocciose, conserva i resti di una imponente Torre di Avvistamento Saracena

Intatta anche la vegetazione che arriva a lambire il mare, ricca di lentisco, cisto, rosmarino, ginepro coccolone e di fiori di zafferano mentre l’avifauna è ricca di fratini e piovanelle pancianera, tartarughe un vero angolo di paradiso.

Link correlati  Sport PortoLidi Balnerari